mercoledì 13 ottobre 2010

Attimi di Carne




Eccoci qui.

La musica a palla scatenata da quelle voci rauche, le chitarre sparano incontrollate note di sé negli amplificatori e gli occhi guardano a intermittenza quello che i riflettori ad un concerto rock decidono di far vedere.

Lui è dietro di me. So tutto di lui, o forse credo. Insomma mi basta sapere che ha uno oceano azzurro in cui annegare quando mi guarda. Non conosco nemmeno il suo nome.

Ma la sua mano risale la mia conscia mentre il mio sguardo non si distoglie dal palco per godere di quei gesti solo attraverso scatti di percezione. Il suo corpo si avvicina al mio. Non ho indossato le calze, troppo caldo. E’ bastato un vestitino corto con un paio di stivali di pelle per far serata.

Le sue dita spingevano tra le mie gambe sempre più forte, con sempre maggiore curiosità fino a scomparire sotto la scampanatura della gonna. Il mio corpo ha iniziato ad oscillare seguendo le armonie dei suoi tocchi e non riuscendo più a seguire la musica.

All’improvviso quando sembrava essersi allontanato e perso nella folla, mi afferra il polso e senza proferir parola mi porta in bagno. Chiude la porta alle sue spalle a chiave e lascia il mondo fuori da quella soglia. Le sue mani ingorde afferrano ogni parte del mio corpo e i suoi denti bottone dopo bottone avanzano sempre più nella scollatura. Sento la sua lingua scivolare sul mio collo mentre le sue gambe con violenza si fanno spazio tra le mie. Un fiume di indomabili brividi mi attraversa la schiena seguendo le orme lasciate dalla sua bocca. Mi morde i sensi e i gesti e ogni insoffocabile gemito in cui il mio corpo si svende a pochi spiccioli di godimento. Mi sbatte contro il muro, forte, sempre più forte come se volesse attraversami completamente ma baciando le mie guance e le mie labbra con la dolcezza di un volo di farfalle. All’improvviso afferra con le mani le mie cosce e mi solleva facendomi completamente sua, invadendo ogni mio più oscuro istante di piacere. Poi qualche piccolo gemito strozzato e un abbraccio, un abbraccio di corpi ma non di anime. Un sorriso e la musica, che nessuno dei due aveva più ascoltato, torna a riecheggiare nelle nostre orecchie.

Passo davanti allo specchio prima di uscire dal bagno e mi soffermo sulla mia immagine riflessa. Nulla di cui rimproverarmi.

Il sesso ti strappa solo i vestiti ma l’amore ti strappa via il cuore. E alcune volte nella vita bisogna fare una scelta.

17 commenti:

Gio ha detto...

Non ci rimproveriamo quando facciamo una passeggiata nel bosco, per ritemprare anima e corpo, o quando cuciniamo per bene per metterci in forma ...
Perchè dovremmo rimproverarci in questi casi?

Sai che ti dico?

Hai fatto bene: a farlo e a scriverlo

Dalle mie parti diciamo

Omnia munda mundis

Ciao!

Gio

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

wow... l'ho buttato giù tutto d'un fiato. Come un Ruhm e pera, ma senza la pera... Ora mi godo lo sballo.

A presto,
Rospo.

Roberta ha detto...

Risp.Gio: In questo blog non esistono i rimproveri!:-)
Baci
Ps.Io scrivo, non descrivo. Non ho detto mica che racconto ciò che faccio!


Risp.Il rospo dalla bocca larga: scusa, eh il detto una pera al giorno toglie il medico di torno? Lo affondiamo? ah già...quella è la mela! E allora buona sballata!
A presto!

annalisa silingardi ha detto...

,,eheheh :.))

Massimo ha detto...

Ciao cara Roby,
bella storia di passione... arrapante al punto giusto, ma
l'amore è una cosa diversa, e può strappare il cuore, mi trovi d'accordo. Un abbraccio !

leone ha detto...

Tutta questa sensualità...non so se già ce l'hai, ma se trovi l'amore esplode una stella.Ciao!

area56 ha detto...

Mi piace questo racconto perchè mette in evidenza il linguaggio del corpo e dei sensi, ed è davvero ben scritto.
Guarda, voglio dirti una cosa. Chi scrive non è detto che abbia vissuto davvero il racconto, allora pensiamo a S.King :))), ma è quello che scaturisce dalla penna e dalla mente che affascina, come la si racconta e le sensazioni che si danno al lettore.
Molti blogger sono affabulatori, raccontano favole, stupende storie, ma favole restano. E' il bello della scrittura...e della libertà
Francesco

Only Me ha detto...

le scelte vanno fatte si.
l'importante è capire dove bisogna andare oltre l'apparenza e i sensi e addentrarsi nell'amore.
altre volte ti rendi conto che una serata di sesso (oun periodo più prolungato) è più che sufficiente.

e va bene anche quello.

basta capire e scegliere bene.
un bacio

il cuoco ha detto...

Non so se ti è accaduto , ma spero di si perché un momento cosi intenso non può certamente lasciare rimpianti ma solamente soddisfazione e sogni....Ciao

il cuoco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Vittoria A. ha detto...

C'e' tanta passione nel tuo racconto, e' travolgente.

Melina ha detto...

Bello il racconto, anche se non condivido il tuo pensiero perchè non condivido il sesso senza amore...preferisco che mi strappino il cuore anzichè lasciarmi andare nelle mani di uno sconosicuto che non mi vuole bene e che non prova stima nè altro nei miei riguardi...
Poi ognuno vive a modo suo, il mio non è un rimprovero, ma una considerazione...
Ti abbraccio

Charlie68g ha detto...

Ma non hai detto il nome del gruppo che suonava...... :-)

Rigenerato ha detto...

quoto Charlie68g
scherzi a parte mi è piaciuta la storiella.
Passerò a rileggerti volentieri, anche se ultimamente la mia vita da blogger è limitata, preferisco andare ai concerti hahahahha

Roberta ha detto...

Risp.annalisa silingardi: ahah:-))

Risp.Massimo: non avevo dubbi! un abbraccio forte

Risp.leone: si, una stella cadente!

Risp.area56: ooooooooo finalmente uno che parla la mia stessa lingua! bacibaci

Risp.Only Me: ma si nella vita tutto è lecito...per un periodo non prolungato:-)))

Risp. il cuoco: l'importante è vivere l'emozione indipendentemente che sia vera o no!

Risp. Vittoria A.: Grazie:-)

Risp. Melina: Viva la libertà di pensiero e azione!bacini

Risp.Charlie68g: Mi sa la banda dello zecchino d'oro:-)

Risp. Rigenerato: Buon per te se hai di meglio;-)

Only Me ha detto...

sicuramente si :)

Alka ha detto...

Perché scegliere tra uno o l'altro?? Meglio entrambi! ;)